Benvenuti nello spazio web di Simone Mariotti

pixel pixel
Gli anni ruggenti di Telerimini
La Voce di Romagna, 3 novembre 2008




di Giuliano Bonizzato

3-segue dalla puntata precedente
Primo Direttore Responsabile di TeleRimini fu un Prete-Pubblicista, Don Domenico Calandrini che accettò cristianamente, per pochi mesi, il rischio di rappresentare una potenziale Associazione a delinquere - per di più laica - prima della liberatoria sentenza 10 luglio 1974 della Corte Costituzionale. Fu quindi il turno, quando l'atmosfera cominciò a schiarirsi, di altri bravi giornalisti: Gianfrancesco Carasso, seguito da Giancarlo D'Orazio cui subentrò Fiorello Paci, che teneva ancora per mano Daniele, il futuro celebre Procuratore della Repubblica della Uno Bianca. Infine il timone passò nelle mani del Comandante di Lungo Corso Guerrino Pari che, (dal 1978 al 30 dicembre del 2002, giorno della Sua improvvisa scomparsa) pilotò con maestria, coadiuvato dal Presidente Natale Montebelli a sua volta affiancato da Carlo Soci, la navicella di TeleRimini nelle onde burrascose di un etere progressivamente invaso dalle potenti astronavi dell'Impero Galattico Berlusconiano. I primi arditi collaboratori della redazione sportiva si affiancarono a Romano Bedetti e Franco Brandi prima ancora che il Pretore Dini, di Cesena, accogliendo un mio ricorso d'urgenza, concedesse l'accesso delle telecamere negli stadi, creando un precedente su tutto il territorio nazionale: e furono Romano Sartini, Agostino Vignali, Paolo Piomboni, Pasquale Adorante e Giorgio Betti. Sul versante dello spettacolo e della satira, al tempo in cui alle ballerine televisive venivano imposti tragici mutandoni, si collocò l'indimenticabile duo di conduttori Luciano Vasini e Vittorio Corcelli, magro e compassato il primo, imponente ed estroverso il secondo, protagonisti di disinibite trasmissioni come "Il Rubamazzo", "Petrolio e Sangiovese" e "Bar contro Bar". Venivano agevolmente superate le autocensure che ingessavano la noiosissima TV di Stato. Ad esempio con "Hyde Park" che dava voce in diretta alle proteste dei comuni cittadini, fatti salire secondo le più consolidate tradizioni britanniche su una cassetta di frutta e verdura posta dinanzi alla gigantografia di un Parco. La trasmissione era talmente temeraria per quei tempi da essere affidata…all'avvocato. Il quale dietro le quinte non solo era in grado di intervenire con un potente altoparlante, dissociando l'emittente dalle più terrificanti invettive degli improvvisati oratori, ma poteva anche interromperli azionando una sirena. Per completezza d'informazione: l'avvocato ero io. Alcuni collaboratori erano… intercambiabili. Paolo Piomboni, redattore sportivo, riusciva a trasformarsi in un amabile conduttore di spettacoli per bambini, come in "Fuori dal banco"; Titti Corbelli fu dal '76 all'86 co-direttrice dei programmi oltre che Segretaria di Redazione; Antonio Gregori, ragioniere di TeleRimini per un quarto di secolo, si riciclava a quei tempi Giudice di Gara nei tornei televisivi di biliardo e di tressette. Mario Lugli fu sempre non solo il fido cameraman ma anche il più stretto collaboratore di Marco Magalotti nella mitica trasmissione "In zir per la Rumagna" da questi condotta per circa trent'anni e ripresa dopo la sua scomparsa da Tiziano Arlotti. Un patrimonio culturale straordinario di folclore, usi e costumi della nostra terra, che sarebbe andato altrimenti disperso, ora custodito amorosamente a disposizione degli studiosi. Il geniale fotografo Silvano Morosetti, che dirigeva le riprese in studio, curò anche la regia di numerosi spettacoli, così come il versatile Carlo Angelini, scenografo, fu ideatore di programmi e all'occorrenza, alter ego del "Mago delle Luci" Pasquini. Diego Grassi, tecnico audio, affiancava spesso nelle riprese Leo ed Antonio d'Agostino, Gino Vichi, Davide Santi e Paolo Papini. Gli attuali operatori Stefano Papini e Renzo Sartini entrati giovanissimi in TeleRimini assieme a Sandro Zanotti rivivono quarantenni, alla "consolle", con immutato entusiasmo e fantasia, il mito pionieristico di Carlo Pianori e Loris Gianni.

L'emittente, dunque, visse una prima lunga fase di entusiasmo e di passione che, prescindendo da ogni calcolo utilitaristico, completamente estranea a partiti ideologie e schieramenti politici, privilegiava l'iniziativa e l'inventiva dei singoli dando ampio spazio alla sperimentazione. Lo spirito di corpo dell'Azienda, corroborato dal cameratismo che legava tutti i collaboratori, ne usciva esaltato. Come nel caso di Luciano Draghi, cameraman, intervistatore e regista, da decenni anima televisiva del ciclismo nostrano, sempre disponibile nei momenti d'emergenza. O dell'eterno simpaticissimo inviato da Cattolica e da Riccione, Edmo Vandi. O di Maurizia Nucci, lettrice e collaboratrice del Video-giornale dal 1977, erede delle prime leggendarie annunciatrici Silvana Pivi, Cinzia Salvatori e Angela Bertozzi.
Marco Magalotti - the Voice - (scomparso nel 2003) rimane il simbolo dell'Emittente con i suoi trent'anni di ininterrotta preziosa collaborazione che gli valsero la Croce di Cavaliere della Repubblica e il Paul Harris Fellow del Rotary. Se poi si dovessero elencare i nomi di tutti coloro che hanno collaborato "no-profit" a TeleRimini, a partire da autori di commedie dialettali come Amos Piccini, Guido Lucchini ed Enzo Corbari e relativi interpreti, non basterebbe questa pagina. L'emittenza privata locale (soprattutto nel periodo 1973-1981, prima cioè dell'avvento dei grandi network) fu infatti in grado, grazie alla disponibilità di numerose ore di trasmissione pura (garantitele dai limitati e ben retribuiti introiti pubblicitari nazionali non ancora fagocitati dal "mostro" Mediaset) di calamitare la creatività altrimenti inespressa, di innumerevoli cittadini. Un piccolo esempio, tra tanti. Il Direttore dell'INPS di quegli anni era un vero appassionato del Circo. Per questo rispettabilissimo funzionario era, allora, la cosa più naturale del mondo, recarsi ad intervistare, per il puro piacere di farlo, domatori, trapezisti, pagliacci, equilibristi… Ma questo valeva per tutti. Per me, che ideai e condussi oltre ad Hyde Park, e divertendomi un mondo, i talk-show "La ciacareda" "Ci dica, onorevole" e "Video-forum" per finire con la versione "a braccio" delle Cronache Malatestiane. Per il collega e amico fraterno Piero Spadaro, appassionato cinofilo, che organizzava e presentava meravigliose sfilate di cani di razza in studio. Per Ferruccio Farina e Piergiorgio Pasini che "traducevano" in filmati televisivi i contenuti della loro Rivista "Romagna Arte e Storia". Per un altro Avvocato, Gaetano Rossi, che vinse per TeleRimini il prestigioso Premio televisivo Venezia con un suo documentario sul "Passatore". Per il poeta O'Brien Olmeda che ogni sera, a chiusura del video-giornale improvvisava, in puro idioma corianese, versi ispirati alle cronache locali…
Mi accorgo di essermi fatto un pò prendere la mano. Scusatemi. Può capitare. Soprattutto ora che la vecchia TeleRimini, seconda emittente privata italiana, fondata da un gruppo di "creativi" amici tra loro, rimane viva solo nel ricordo.
(studiobonizzato@libero.it)



Torna alla puntata precedente
Torna alla pagina di Giuliano Bonizzato

La Voce di Romagna, 3 novembre 2008











Copyright © by Simone Mariotti Tutti i Diritti Riservati.

Data creazione pagina: 2008-11-04 (2932 Letture)

[ Indietro ]

pixel


Questo sito è stato ideato da Simone Mariotti (p.iva 02628890408) adattando e modificando una versione del PHP-Nuke. PHP-Nuke (www.phpnuke.org) è un software libero rilasciato con licenza GNU/GPL (www.gnu.org).
Generazione pagina: 0.05 Secondi