Benvenuti nello spazio web di Simone Mariotti

pixel pixel
Glossario dei termini economici e finanziari - R




Torna all'indice





R

Range
Intervallo di oscillazione delle quotazioni.

Rapporto prezzo-utili
Vedi alla voce "Price earnings ratio (P/E)"

Rating
Il rating è un metodo utilizzato per classificare sia i titoli obbligazionari che le imprese in base alla loro rischiosità. Viene espresso attraverso un voto in lettere, in base al quale il mercato stabilisce un premio per il rischio da richiedere all'azienda per accettare quel determinato investimento. Scendendo nel rating aumenta il premio per il rischio richiesto e quindi l'emittente deve pagare uno spread maggiore rispetto al tasso risk-free. I rating sono periodicamente pubblicati da agenzie specializzate, tra le principali: Standard & Poor's, Moody's e Fitch Ratings.

RCA
Responsabilità Civile Auto.

Reddito nazionale lordo (Gross National Income)
È la somma dei redditi guadagnati dai fattori produttivi del Paese considerato. È quindi eguale ai redditi (salari più stipendi più interessi più rendite più utili ecc.) distribuiti alle famiglie nazionali dalle imprese nazionali ed estere o dalla pubblica amministrazione più gli utili non distribuiti dalle imprese nazionali (al lordo degli ammortamenti).

Reddito reale
Reddito di un soggetto economico espresso in termini di potere di acquisto. Dipende da due fattori: il reddito monetario (quanto effettivamente percepito) e il tasso di inflazione.

Regressione lineare
È la forma più semplice di regressione e consiste in un metodo per trovare l'equazione lineare che meglio approssima un insieme di punti dati. Una retta di regressione lineare altro non è che il riassunto grafico di questa equazione. È un metodo utilizzato per stimare il valore atteso di una variabile dipendente dati i valori di una variabile indipendente.

Rendimento (yield)
Utile di un investimento espresso in percentuale del capitale investito; fornisce la misura della convenienza di un'operazione finanziaria, commerciale o industriale.

Resistenza
Nell'analisi tecnica di Borsa si chiama resistenza il livello di prezzo sopra il quale la quotazione del titolo ha difficoltà a salire. È il punto in cui la pressione sul mercato svolta dai compratori non riesce a superare la pressione esercitata dai venditori. Se l'interesse del mercato sul titolo aumenta e la pressione all'acquisto supera quelle alla vendita il prezzo sale al di sopra del valore della resistenza. Qualora, ad un successivo ribasso, il prezzo non scenda sotto il valore della resistenza si dice che la resistenza è stata perforata e la stessa diviene un supporto.

Rialzista
Investitore che acquista titoli, beni o valuta con la previsione che il loro valore di mercato aumenti, così da rivenderli a un prezzo superiore a quello di acquisto.

Ribassista
Investitore che vende titoli, beni o valuta senza possederli con la previsione che il loro valore di mercato diminuisca. Al momento di consegnarli potrà comperarli a un prezzo inferiore rispetto a quello a cui li ha venduti

Riapertura delle aste
Possibilità concessa agli investitori istituzionali di acquistare un quantitativo di titoli superiore a quello inizialmente proposto in asta.

Ribor (Rome interbank offered rate)
Tasso d'interesse che veniva calcolato quotidianamente sul mercato interbancario italiano sulla base delle dieci migliori quotazioni lettera di importo superiore ai 5 miliardi. Come gli altri tassi interbancari nazionali dal 30 dicembre 1998 è stato sostituito dall'indice Euribor.

Ricapitalizzazione
Processo con il quale una società si dota di nuovo capitale di rischio, e che può avvenire per mezzo dell'emissione di nuovi titoli azionari, della conversione di titoli di debito in azioni, della conversione di warrant, eccetera.

Riporto
Contratto mediante il quale una persona (riportato) trasferisce in proprietà a un'altra persona (riportatore) titoli di credito di una data specie per un determinato prezzo. Il riportatore assume l'obbligo di trasferire al riportato, alla scadenza di un dato termine, la proprietà di altrettanti titoli della stessa specie contro pagamento di un prezzo aumentato o diminuito nella misura convenuta.

Riserva
Accantonamento di fondi effettuato da un'impresa nel corso di uno o più esercizi per tutelarsi da esborsi di fondi che si verificheranno o si potranno verificare in futuro. Il caso più frequente di riserve è quello dovuto ad accantonamenti di utili che invece di venire distribuiti agli azionisti rimangono investiti nella società, e potranno così soddisfare l'eventuale richiesta di fondi in futuro. Oltre alle riserve volontarie esistono quelle obbligatorie (riserva legale, pari al 5% del capitale sociale, oppure le riserve che le banche sono tenute a versare presso l'autorità monetaria centrale a fronte dei depositi contratti con la clientela).

Riserva obbligatoria (Coefficiente di )
La quota di depositi che una banca è tenuta per legge a tenere a riserva, e quindi a non impiegare per prestiti o altro. Un aumento (riduzione) di tale coefficiente determina quindi una riduzione (aumento) dell'ammontare di credito e di moneta disponibile per gli operatori.

Risk-free interest rate - Tasso d'interesse privo di rischio
Il tasso d'interesse privo di rischio (o Risk-free interest rate) nella finanza rappresenta il tasso d'interesse di un'attività priva di rischio. L'assunto teorico si basa sull'evidenza che nei mercati è sempre possibile trovare un titolo che abbia un rendimento certo e noto ex ante. Formalmente, la variabile casuale "rendimento del titolo" è una variabile con valore atteso costante e varianza nulla. Nella prassi questi titoli sono notoriamente titoli di stato a brevissimo termine di paesi assolutamente affidabili (Ad esempio il "Treasury Bond USA a tre mesi"). Essi sono importanti perché diventano il riferimento, il tasso base, il tasso più basso sul mercato, in quanto il tasso dell'investimento a zero rischio. Ogni altro investimento possibile infatti renderà questo "tasso base", con aggiunto un "premio al rischio" in base al rischio (di insolvenza e volatilità) intrinseco all'investimento proprio di ogni attività finanziaria.

Roe (Return on equity)
Misura il rendimento contabile di un'azienda. È dato dal rapporto tra il reddito netto e il patrimonio netto di una società, risultanti dal bilancio d'esercizio. In sostanza, questo indicatore misura la redditività del patrimonio netto. Più questo valore è alto, più la società appare redditizia. Il Roe indica dunque la capacità dell'impresa di far fruttare le risorse apportate dagli azionisti.

Roi (Return on investment)
È la redditività operativa, che costituisce la misura della remunerazione del capitale investito in azienda a titolo di debito o di rischio. È dato dal rapporto tra risultato operativo e capitale investito: il risultato operativo è ottenuto dalla differenza tra i ricavi delle vendite e i costi derivanti dalla gestione caratteristica (costi industriali, commerciali e amministrativi). Il capitale investito è pari al totale attivo netto, che in virtù del sistema della partita doppia coincide con la seguente somma: patrimonio netto (equity) più totale passivo. Il Roi è una misura della redditività del capitale investito, e quindi della capacità di ottenere ritorni sugli investimenti.

Ros (Return on sales)
Misura la redditività delle vendite, ossia la capacità di ottenere elevati margini sulle vendite, ed è dato dal rapporto tra risultato operativo e fatturato. Indica la percentuale di fatturato trasformata in utile operativo, relativamente a un esercizio contabile. L'indice fornisce informazioni sull'efficienza con cui l'impresa svolge la propria attività tipica.

Royalties
Nel linguaggio commerciale, quota di utile che le imprese concessionarie devono corrispondere allo Stato che concede lo sfruttamento di miniere o pozzi petroliferi o consente il passaggio sul proprio suolo di oleodotti.









Copyright © by Simone Mariotti Tutti i Diritti Riservati.

Data creazione pagina: 2008-05-22 (4596 Letture)

[ Indietro ]

pixel


Questo sito è stato ideato da Simone Mariotti (p.iva 02628890408) adattando e modificando una versione del PHP-Nuke. PHP-Nuke (www.phpnuke.org) è un software libero rilasciato con licenza GNU/GPL (www.gnu.org).
Generazione pagina: 0.04 Secondi