I dipinti di Rossana Paolini Benvenuti nello spazio web di Simone Mariotti Simone Mariotti
Home pageCerca nel sitoContattamiCurriculum vitaeDownloads
Gli ultimi articoli:     La Brexit, l’oro e gli strafalcioni delle banche sulle materie prime     -    Il sindaco Andrea Gnassi tra il lungomare e il West    -    A mia figlia Desideria    -    Ingenuità dei No Triv contro un demonio di cartapesta    -    Cristina Di Pietro conquista The Voice of Italy    -    Maternità surrogata: in difesa della libertà di scelta    -
Domenica, 25 giugno 2017 - ore 10:40

pixel
  CONDIVIDI
pixel
Share |

  Ospiti on line
pixel
In questo momento ci sono 21 visitatori

  Gli articoli - La Voce
pixel
La Voce di Romagna

Finanza & Investimenti

Politica & Economia

Previdenza e TFR

Rimini e Romagna

International

Antiproibizionismo

Miscellanea

Dedicato a...

Recensioni

Interviste



  Articoli altre testate
pixel
Altre testate giornalistiche

  I libri
pixel

Storia della Cassa di Risparmio di Rimini
Storia della Cassa di Risparmio di Rimini


L'investitore libero
L'investitore libero


Non dite a Sandokan che sono stato qui
Non dite a Sandokan che sono stato qui


L'ABC...per perdere il vostro denaro
L'ABC... per perdere il vostro denaro


Riminindustria
Riminindustria



  Altri lavori
pixel
Tesi di laurea:
Economie insulari: sviluppo o isolamento
Economie insulari
In collaborazione con Simone Mariotti
Amarcorderia - Mostra fotografica, Rimini 2011 Amarcorderia Mostra fotografica a cura di Gabriele Bernardi
a cura di Simone Mariotti
Un mare senza voce Un mare senza voce... tra flussi e riflussi
a cura di Simone Mariotti
Il mare non è una fogna blu Il mare non è una fogna blu
a cura di Simone Mariotti
Scatologia alla riminese Scatologia alla Riminese
Allestimento a cura di Simone Mariotti
L'inedito - Ennio Flaiano La mostra su Ennio Flaiano: "L'inedito"


pixel
Warren Buffet e Peter Lynch




Tra i gestori di portafoglio sono due autentiche leggende viventi.

L'unica cosa che è sufficiente dire di Peter Lynch è che negli anni in cui lo ha gestito, dal 1977 al 1990, il Fidelity Magellan Fund è stato il fondo comune di investimento che ha ottenuto la migliore performance al mondo: tanto per essere chiari stiamo parlando del 2700% in 13 anni, e non ho messo uno zero in più! A 46 anni, al culmine del successo, si è ritirato per passare alla direzione della stessa Fidelity di cui oggi è vicepresidente. Ha scritto anche un bel libro raccontando sua esperienza One Up on Wall Street, ma il talento non lo si impara.

Non ha un gran senso dell'umorismo, è piuttosto taccagno e pare che nel suo studio ci sia appeso un quadro con le tre parole chiave che rappresentano il segreto del suo successo "Pazienza, Disciplina, Razionalità". Potrebbe essere la descrizione di Paperon de Paperoni, ma si tratta di Warren Buffet, l'altro personaggio-mito per gli investitori di tutto il mondo. E' chiamato il saggio di Omaha, dove ha sede la sua holding, la Berkshire Hathaway, che ha ottenuto risultati straordinariamente sopra la media per oltre un trentennio. Teorico dell'investimento di lungo periodo e della scarsissima movimentazione di portafoglio, non crede e non investe nei business che non conosce perfettamente. La sua lettera agli azionisti è attesa ogni anno come l'annuncio di una nuova profezia e in omaggio al suo "credo" è stato coniato il neologismo buffettology.





Warren Buffet

La storia in sé non può offrire nessun utile suggerimento agli investitori altrimenti i bibliotecari sarebbero le persone più ricche del mondo.

La gente sbaglia perché considera più il prezzo che il valore di un'azione; la ragione più stupida del mondo per acquistare un'azione è il fatto che la sua quotazione sta salendo.

Non cerco mai di far soldi in borsa con il trading, acquisto come se dovessero chiudere il mercato domani e non riaprilo per i prossimi cinque anni.

Non compro mai un titolo che non sono sicuro di capire.

Guarda avanti e non indietro. I managers dei fondi pensione americani continuano a prendere decisioni con gli occhi fissi sullo specchietto retrovisore. Un approccio che è costato molto in passato e costerà molto in futuro. Ovviamente l'investitore di oggi non approfitta della crescita di ieri.

La prima regola è non perdere. La seconda è non scordare la prima.

Non farti cogliere dal panico a causa delle fluttuazioni del mercato.

Non ho mai preso nessuna decisone guardando i dati macroeconomici. Quando acquisto un'azienda il mio orizzonte è ben superiore a qualche trimestre.

(A proposito dei report delle banche d'affari) Ne ricevo anch'io a valanghe, ma non li apro nemmeno. Mi farebbero guadagnare più soldi se mi inviassero direttamente i francobolli con cui imbustano le analisi.



Peter Lynch

La lista delle qualità che una persona dovrebbe avere per investire in azioni dovrebbe includere: pazienza, fiducia in sé stessi, buon senso, distacco, tenacia, umiltà, flessibilità, propensione a fare ricerche indipendenti, uguale propensione ad ammettere i propri errori ed abilità ad ignorare il panico generale.

Se non potete dire a voi stessi 'quando sono sotto del 25% sono un compratore', e bandire per sempre il pensiero fatale 'quando sono sotto del 25% sono un venditore', allora non riuscirete mai a fare profitti decenti con le azioni.

Le azioni sono per lo più accettate come prudenti nel momento in cui proprio non lo sono.

Investire è divertente, eccitante e pericoloso se non si fa nessuna analisi.

Alcuni si illudono di essere dei contrarians, ritenendo di potersi avvantaggiare dal fare zig quando il resto del mondo sta facendo zag, ma non diventano contrarians fino a che questa idea è già così popolare da essere un comportamento comunemente accettato. Il vero contrarian non è colui che fa l'opposto di ciò che fanno gli altri su un tema caldo. Il vero contrarian aspetta che le cose si siano raffreddate e compra azioni a cui nessuno presta attenzione, specialmente quelle che fanno sbadigliare Wall Street. [...] Il trucco non consiste nell'imparare a fidarsi dei propri istinti, ma piuttosto nel disciplinare te stesso ad ignorarli.

Poco dopo aver iniziato a gestire il Magellan (Fund) nel maggio del 1977, fui attratto dalla Warner Communications. [...] Fiducioso sui fondamentali, investii il 3% del fondo nelle Warner al prezzo di 26$. Qualche giorno dopo ricevetti una telefonata da un analista tecnico che seguiva le Warner. Non presto molta attenzione a quella scienza dei grafici arzigogolati, ma per essere educato gli chiesi cose pensasse. Senza esitazione annunciò che le azioni erano "extremely extended" (cioè avevano già corso più del dovuto, n.d.t.). Non ho più dimenticato quelle parole. Uno dei più grossi problemi con i consigli sul mercato azionario è che buoni o cattivi che siano ti si fissano nel cervello. E non te ne puoi liberare, e un giorno o l'altro ti troverai a reagire ad essi.
Erano passati circa sei mesi e le Warner erano salite da 26$ a 32$. Mi stavo già preoccupando. Se le Warner erano "extremely extended" a 26$, pensai, ora che sono a 32$ saranno "hyperextended". Controllai i fondamentali e niente era cambiato a sufficienza da far diminuire il mio entusiasmo, così proseguii per la mia strada. Quando le azioni giunsero a 38$ per una ragione inconscia iniziai un massiccio programma di vendita. Devo aver deciso che se erano "extended" a 26$ e "hyperextended" a 32$ a 38$ dovevano aver superato ogni limite.
Ovviamente, dopo che ebbi venduto il titolo continuò la sua ascesa toccando 50$, 60$, 70$ e su fino a 180$. Anche se subirono le conseguenze del fiasco Atari, che ne fece declinare il prezzo del 60%, nel '83-'84 il loro valore era ancora il doppio rispetto al mio prezzo di uscita. Spero di aver imparato la lezione.

Se si pensa di investire in settori travagliati, comprate aziende con una buona capacità di sopravvivenza. Inoltre, aspettate sempre che i settori mostrino segnali di ripresa. Le radio a valvola rappresentavano un settore che non si è più ripreso.

Chiunque ha cervello per guadagnare in azioni. Non tutti hanno lo stomaco abbastanza forte. Se si rischia di vendere tutto per il panico, meglio evitare le azioni e rifornirsi di fondi.

Il crollo di un mercato azionario è una routine come il maltempo in inverno. Se si è preparati, è ininfluente. Il crollo è una grande opportunità per fare affari abbandonati da investitori presi dal panico.

Nel lungo periodo un portafoglio di azioni i fondi azionari ben scelto batterà sempre un portafoglio di obbligazioni o fondi monetari. Nel lungo periodo un portafoglio di azioni scelte male non batterà i soldi lasciati sotto il materasso.

Nessuno può predite i tassi di interesse, l'indirizzo futuro dell'economia, o il mercato azionario. Bandire qualsiasi previsione e concentrarsi su quello che sta effettivamente succedendo alle aziende su cui si è investito.

Sarebbe meglio possedere diversi tipi di fondi, con gestori che seguono diversi stili di investimento: crescita, valore, piccole aziende, grandi aziende, ecc. L'investimento in sei fondi dello stesso tipo non è una diversificazione.

I tentatifi azzardati mancano quasi sempre il bersaglio.

Se non si analizzano le aziende, si può avere lo stesso successo comprando azioni come se si scommettesse giocando a poker senza guardare le carte.









Copyright © by Simone Mariotti Tutti i Diritti Riservati.

Data creazione pagina: 2007-07-16 (9487 Letture)

[ Indietro ]

pixel


Questo sito è stato ideato da Simone Mariotti (p.iva 02628890408) adattando e modificando una versione del PHP-Nuke. PHP-Nuke (www.phpnuke.org) è un software libero rilasciato con licenza GNU/GPL (www.gnu.org).
Generazione pagina: 0.09 Secondi